Coronavirus, Otto e mezzo: Lilli Gruber tossisce in diretta, gelo in studio

Otto e mezzo, Lilli Gruber tossisce: momento di "panico" in diretta

Anche dalla tv, oltre che da internet, passano messaggi importanti sul Coronavirus e quando una giornalista come Lilli Gruber tossisce in diretta a Otto e mezzo, qualche spettatore potrebbe anche spaventarsi seriamente. È successo tutto nella puntata del 26 febbraio della trasmissione di approfondimento su La7 proprio mentre la padrona di casa presentava il virologo Fabrizio Pregliasco. Leggi anche: >> CORONAVIRUS, COME FERMARLO SUBITO: ATTENZIONE AL GRAVE ERRORE QUANDO CI LAVIAMO LE MANI Il colpo di tosse di Lilli Gruber ha dapprima fatto calare il gelo negli studi del talk show, poi è scoppiata una risata quando ha prontamente ironizzato: “Ecco, è in suo onore”. Un incidente di pochi secondi che ha destabilizzato gli ospiti, salvo poi arginare la preoccupazione scacciandola con l'ironia. https://twitter.com/La7tv/status/1232755585336139781 Al centro del dibattito, ovviamente, la situazione del Coronavirus, costantemente monitorata da giorni: l’invito, all’insegna della speranza da parte dell’ospite di Otto e mezzo, è stato quello di vedere scemare la diffusione del Covid 19 nei prossimi giorni.

Otto e mezzo, Lilli Gruber tossisce e poi ironizza sull'incidente

Leggi anche: >> CORONAVIRUS, HEATHER PARISI ACCUSATA DI DIFFONDERE LA MALATTIA: IL DETTAGLIO IN QUESTO VIDEO CHE FA TREMARE INSTAGRAM

“Io credo – ha dichiarato il virologo – che i risultati di queste iniziative le vedremo nell'arco di una settimana, se davvero funzioneranno. E se, com'è sperabile, potranno far scemare questi casi. Oppure dovremo affrontare qualcosa di più impegnativo. E rispondere ad aspetti organizzativi e bisogni tecnico-sanitari importanti”.

Adesso che anche la stampa sta puntando ad esaltare il numero dei guariti piuttosto che dei contagiati, è importante continuare a fare prevenzione, stando lontani dalle fake news (come quella secondo cui anche CANI E GATTI TRASMETTONO IL CORONAVIRUS) e dalle truffe ai danni soprattutto dei più anziani. Leggi anche: >> NUOVO CORONAVIRUS, NON È LA FEBBRE IL PRIMO SINTOMO: LA SCOPERTA CINESE Foto@Kikapress/Shutterstock