Coronavirus, 'pandemia' parola più cercata su Treccani

webinfo@adnkronos.com

'Pandemia', 'assembramento', 'draconiano', 'asintomatico': queste le parole più ricercate dagli italiani sul Vocabolario On line di Treccani. Il portale Treccani.it registra un'importante crescita della media dei visitatori unici e delle pagine visualizzate e si conferma punto di riferimento per un sapere autorevole e di qualità ai tempi dell’infodemia, cioè della "circolazione di una quantità eccessiva di informazioni, talvolta non vagliate con accuratezza, che rendono difficile orientarsi su un determinato argomento per la difficoltà di individuare fonti affidabili", come si legge proprio sul vocabolario Treccani.  

Il portale Treccani.it ha rilevato la crescita della media di visitatori unici (passata da circa 600.000 a 760.000) e l’incremento delle pagine visualizzate (da 900.000 a 1,6 milioni). Testimonianza del particolare momento storico che stiamo vivendo, la lista delle parole che sono oggetto del maggior numero di visite dirette verso le pagine del Vocabolario Treccani On line comprende non a caso anche 'Infodemia', neologismo fra i più recenti. Nel periodo di emergenza sanitaria Coronavirus, Treccani si conferma punto di riferimento per un’informazione veritiera e puntuale e centro nevralgico di diverse iniziative a carattere scientifico-culturale.  

Tra queste, anche la lista delle dieci Parole del Coronavirus stilata in collaborazione con l’Istituto Superiore di Sanità e pubblicata all’interno della sezione 'Le parole valgono' insieme ad una definizione per un loro utilizzo corretto e consapevole: batterio, contagio, paziente zero, epidemia, letalità, pandemia, quarantena, infodemia, stress, virus. Recentissimo il progetto editoriale digitale messo a punto con l’Associazione Cultura Italiae, il 'Dizionario della Cultura', ovvero una guida ragionata delle voci che esprime la mappa semantica della parola 'Cultura'. Ha inaugurato l’iniziativa Filippo Patroni Griffi, Presidente del Consiglio di Stato, con la voce 'Diritti dell’uomo'.