Coronavirus, Papa: davanti pandemia non fare don Abbondio

Red/Nav

Roma, 15 mar. (askanews) - "In questo momento sta finendo a Milano la Messa che il Signor Arcivescovo celebra nel Policlinico per gli ammalati, i medici, gli infermieri, i volontari. Il Signor Arcivescovo è vicino al suo popolo e anche vicino a Dio nella preghiera. Mi viene in mente la fotografia della settimana scorsa: lui da solo sul tetto del Duomo a pregare la Madonna". Lo ha detto Papa Francesco prima di guidare la recita della preghiera dell'Angelus dalla Biblioteca del Palazzo Apostolico Vaticano.

"Vorrei ringraziare anche tutti i sacerdoti, la creatività dei sacerdoti. Tante notizie mi arrivano dalla Lombardia su questa creatività. È vero, la Lombardia è stata molto colpita. Sacerdoti che pensano mille modi di essere vicino al popolo, perché il popolo non si senta abbandonato; sacerdoti con lo zelo apostolico, che hanno capito bene che in tempi di pandemia non si deve fare il 'don Abbondio'. Grazie tante a voi sacerdoti", ha continuato.