Coronavirus, Papa: medici e infermieri Santi della porta accanto

Ska

Roma, 23 mar. (askanews) - Papa Francesco ha fatto un raffronto tra medici, infermieri e volontari impegnati con il coronavirus e i "santi della porta accanto", in una intervista via Skype a Jordi Evole per la televisione spagnola La Sexta.

"Li ammiro, mi insegnano come impegnarsi, li ringrazio per la testimonianza: medici, infermieri, volontari che dormono col camice e non possono tornare a casa", ha detto il Papa, che ha poi parlato dei "santi della porta accanto", concetto a lui caro: "Persone normali, una vita di fede a modo loro, ma danno la testimonianza che si occupano degli altri, e tra loro ci sono anche dei morti".

Più in generale, oltre agli operatori sanitari, i cassieri dei supemercati, i camionisti, gli operai, i poliziotti: "stanno mantenendo il funzionamento sociale perché non ci manchi l'essenziale", ha notato il Papa.