Coronavirus, Parmigiano Reggiano: banca ex casari per emergenza -2-

(Segue)

Roma, 11 mar. (askanews) - I mercati esteri sono di primaria importanza per il Parmigiano Reggiano. Il giro d'affari al consumo della DOP si attesta infatti a 2,4 miliardi di euro e viene realizzato per il 60% sul mercato italiano e per il 40% su quelli esteri: Francia e Stati Uniti in testa, seguiti da Germania, Regno Unito e Canada.

"Il Parmigiano Reggiano è prodotto oggi come mille anni fa - ha affermato Bertinelli - solo con latte, sale e caglio e senza l'uso di additivi e conservanti. La produzione è regolata da un rigido disciplinare che non consente ai produttori di pastorizzare, centrifugare o refrigerare il latte. Per questi motivi il Parmigiano Reggiano deve essere prodotto ogni singolo giorno dell'anno. Fermare la produzione avrebbe conseguenze disastrose per la nostra filiera".

"Allo stesso tempo - ha sottolineato il presidente del Conosrzio - la quasi totalità dei nostri 330 caseifici si trova in province fortemente colpite da Covid-19 come Reggio Emilia, Parma, Modena, Mantova e quindi è impensabile sperare di restare immuni".