Coronavirus, Patane' (Pd): Lazio, la Raggi non ne azzecca una

Bet

Roma, 18 mar. (askanews) - "La  brama di apparire e occupare il centro della scena continua a fare brutti scherzi alla Sindaca Raggi che non ne azzeccava una neanche prima ma da quando è iniziata l'emergenza Coronavirus, se possibile, è addirittura peggiorata quanto a qualità delle esternazioni". Così in una nota Eugenio Patanè, Consigliere del Pd alla Regione Lazio, che "bacchetta" la Raggi. "Oggi dopo essersi avventurata in dichiarazioni bizzarre, le ennesime in favore di una impossibile riapertura dell'Ospedale Forlanini - spiega Patanè - si è scagliata contro la Protezione Civile regionale che, a suo dire, ha fornito un numero di mascherine esiguo alle aziende partecipate del Comune di Roma. La informiamo però che queste aziende, che ormai non si rivolgono più al Campidoglio, hanno contattato direttamente la Regione Lazio chiedendo un aiuto, perché sanno di trovare interlocutori più credibili. Benché la Regione Lazio non fosse obbligata ad aiutare con dotazioni proprie delle società per azioni, ha ugualmente fatto uno sforzo, vista la situazione di particolare emergenza". "La Regione Lazio ha pertanto inviato ad Atac, per far fronte all'emergenza e in attesa che l'azienda possa rifornirsi da sola, 5000 mascherine su 5300 autisti accompagnate da nota dell'Assessore Alessandri, sperando di fare cosa gradita e, peraltro, non dovuta visto che le aziende partecipate regionali, vedi Cotral, provvedono autonomamente alle dotazioni dei loro dipendenti. Consiglio spassionato e non richiesto alla Sindaca: si occupi degli affari di sua competenza, se ne è capace - la stragrande maggioranza dei romani ormai ne dubita - e lasci stare vicende e situazioni che non conosce e vengono gestite, per fortuna dei cittadini, da istituzioni più serie ed efficienti" conclude Patanè.