Coronavirus, Pd Lazio: no a Olimpiadi un danno per Roma

Bet

Roma, 4 giu. (askanews) - "Il no della giunta Raggi alle Olimpiadi 2024 ha determinato la discesa della Capitale nel fossato della crisi in cui si trova. Gli effetti sul futuro, sul lavoro, sul sistema delle imprese, sugli investimenti in citt e sulle periferie sono stati drammatici, come se fossimo stati colpiti da un altro virus che ha tolto ogni prospettiva, ogni strategia alla Capitale, a migliaia di posti di lavoro, ai giovani". Lo scrive in un post su facebook il segretario del d Lazio, senatore Bruno Astorre commentando le parole della sindaca di Roma Virginia Raggi che oggi ha ricordato il No alle Olimpiadi 2024. "Per non considerare il danno d'immagine per la Capitale, la sua area metropolitana e il Paese, fermare la candidatura a poche miglia dalla sicura assegnazione. Il No della Raggi ha fatto esultare le altre citt in lizza, che sapevano di non avere nessuna chance fino a quel momento. Ma la stessa Raggi poi ha gioito e fatto le congratulazioni calorose quando Milano e Cortina si sono aggiudicate altre Olimpiadi, quelle dei Giochi invernali 2026. Ecco, - prosegue Astorre - la sindaca ha perso un'occasione per tacere, per non riaprire una ferita profonda sulla citt di cui lei responsabile. Se Roma avesse avuto le Olimpiadi, anche alla luce di questa crisi profonda che viviamo, avrebbe un grande obiettivo, avrebbe risorse per rilanciarsi e avrebbe una strategia di futuro. A fronte di quanto sta vivendo la Capitale, ci saremmo aspettati il silenzio o le scuse della Raggi e della sua giunta che si porter sempre la grave colpa - conclude il post del segretario dem - di aver rinunciato ad un grande progetto, un sogno per migliaia di giovani in cerca di posti di lavoro".