Coronavirus, Pd: leale collaborazione ma supremazia Stato

Rea

Roma, 4 mar. (askanews) - "Il Paese è chiamato ad affrontare un'emergenza, abbiamo quindi bisogno di nervi saldi e di quel principio di leale collaborazione tra le istituzioni previsto dalla Carta costituzionale". Lo ha sottolineato il deputato Pd Enrico Borghi, della presidenza del Gruppo, durante il question time. "Per superare questa situazione abbiamo bisogno di dire tre no: No al sindacalismo istituzionale, per il quale ogni istituzione rivendica a sé brandelli di competenza; No allo scaricabarile, e No alla cacofonia di voci che impedisce di capire la reale linea di comando. E dobbiamo invece dire tre sì: Sì all'organizzazione; Sì alla responsabilità e Sì alla logica della clausola della supremazia statale. Così facendo - ha detto Borghi - tutti insieme supereremo questo momento di difficoltà".

L'interrogazione era rivolta al ministro degli Affari regionali Francesco Boccia, ed era stata illustrata dal deputato Dem Stefano Ceccanti: "Riteniamo positiva l'esperienza delle autonomie, da consolidare e sviluppare, però in questa situazione di emergenza tutto ci possiamo permettere tranne avere voci dissonanti, e indirizzi diversi, che creano incertezza nei cittadini sule normative da applicare", aveva sottolineato Ceccanti, chiedendo al ministro "quali iniziative intenda prendere per evitare il sovrapporsi a livello locale di prescrizioni differenti per contenere il coronavirus. Misure che potrebbero addirittura porsi in contrasto con quelle adottate a livello nazionale. E se, a suo parere, sia stato svolto in maniera omogenea in tutte le aree del Paese un effettivo controllo pubblico sul servizio sanitario".