Coronavirus, Pd Lombardia: Regione sostenga lavoratori spettacolo

Red-Mch

Milano, 10 mar. (askanews) - I lavoratori che vivono di cultura e spettacolo "soffriranno più degli altri per le misure decise per combattere il diffondersi del Coronavirus, a causa della chiusura più estesa nel tempo" di cinema e teatri. Lo ha scritto in una nota la consigliere regionale del Pd Paola Bocci che ha annunciato di aver sottoscritto un ordine del giorno per sostenere il settore con azioni concrete.

"Non si tratta di poche persone: artisti, tecnici, maestranze, artigiani, indotto… Si tenga conto che le strutture, tra sale cinematografiche, teatri e sale di concerto, sono più di 400, gestite da 150 imprese. Parliamo di più di 2mila lavoratori coinvolti direttamente nella gestione di queste strutture", ha detto.

L'impatto economico degli stop, ha spiegato Bocci, "viene stimato dalla Siae in oltre 10 milioni di euro di mancato incasso al botteghino dei teatri delle regioni interessate nella settimana dal 24 febbraio al primo marzo, con 7.700 spettacoli cancellati, e in oltre 3 milioni di euro a settimana per la chiusura delle sale cinematografiche".