Coronavirus, Pd: massimo sostegno alla Lombardia

Pol-Afe

Roma, 15 mar. (askanews) - "Con il decreto messo in campo in queste ore dal Governo si affronta l'emergenza coronavirus a 360 gradi, fornendo strumenti finanziari e normativi per assicurare una gestione efficace e puntuale per tutta la durata della pandemia a regioni, enti pubblici ed enti locali. La logica del decreto è quella di avere "la macchina con il motore acceso" così da esser pronti a ripartire ad epidemia sconfitta. Infatti si sta lavorando simultaneamente su più fronti: operare a più livelli sull'epidemia per contenerla, arginare i disagi inflitti alla popolazione e mitigare il più possibile il negativo impatto che questa pandemia sta avendo sulla nostra economica, sui lavoratori e sulle imprese" . Così in una nota la deputata e responsabile forum Salute del Pd, Beatrice Lorenzin.

"Con il lavoro del comitato tecnico scientifico, del Ministero della Salute, dell'ISS a servizio dell'azione della Protezione Civile, - continua la Lorenzin - nel decreto sono predisposti protocolli per ambienti di lavoro: dalle modalità di ingresso nelle aziende, al corretto uso dei dispositivi di protezione individuale sul luogo di lavoro alle indicazioni su come gestire casi di personale risultato positivo. Tutte le azione messe in campo finora di distanziamento e restrizione dei movimenti - sottolinea l'ex Ministro - servono per raggiungere l'obiettivo sperato di ritardare i picchi, diluire i contagi per poterli gestire correttamente nelle strutture e la scelta italiana di non fermare completamente la catena produttiva deve essere, per noi, supportata da una serie di misure a protezione dei lavoratori basate sull'evidenza scientifica e attuate in modo puntuale".