Coronavirus, Pd: subito tavolo nazionale per sicurezza sul lavoro

Rea

Roma, 26 mar. (askanews) - Un tavolo nazionale con sindacati, categorie, e istituzioni ispettive in grado di assistere e verificare le imprese nella messa a norma di un piano di sicurezza sul posto di lavoro e assicurare il prima possibile la ripresa delle attività delle stesse. Lo chiede il partito Democratico, sulla scorta di un'iniziativa già assunta in Emilia Romagna su propsta dell'onorevole Serse Soverini, insieme a Graziano Delrio e Andrea De Maria.

In Emilia Romagna l'assessore Colla ha già ricevuto la disponibilità a partecipare dai sindacati e dalle associazioni imprenditoriali regionali. Ma contemporaneamente la delegazione Pd chiede al governo di istituire un Tavolo nazionale di coordinamento dei tanti tavoli provinciali, dove si siedano imprese e sindacati, istituzioni sanitarie e istituzioni ispettive, "per definire la durata delle misure di cautela, le modalità con le quali dovranno essere gradualmente affievolite e quali siano le condizioni per un ritorno alla normalità e un ritorno al lavoro". Nella convinzione che "la crisi se affrontata con responsabilità può essere opportunità di crescita per l'intero paese".

La proposta, sottoscritta da colleghi eletti nel Pd in Emilia Romagna e rivolta al Governo, prevede - spiegano Delrio, Soverini e De Maria, che: 1) le aziende, sia quelle attive sia quelle in stato di blocco delle attività, elaborino un piano specifico di sicurezza da Covid 19 con e per i propri dipendenti indicando il responsabile; 2) vengano istituiti dei Tavoli provinciali per la sicurezza sul lavoro, composti da imprese, sindacati e rappresentanti Inail dell'Ispettorato territoriale del lavoro e i servizi di prevenzione e sicurezza ambiente di lavoro nelle aziende Asl; 3) una volta definito il piano, l'azienda lo invii alla propria associazione di categoria che lo presenterà al Tavolo per la sicurezza. In questo modo le aziende, che avranno approntato un piano aziendale di sicurezza da Covid 19 potranno anticipare la riapertura della produzione non appena le condizioni minime sanitarie lo permetteranno, mentre quelle che non hanno subito il blocco delle attività potranno garantire maggiori condizioni di sicurezza dei propri dipendenti; 4) il Tavolo avrà anche la funzione di verificare il fabbisogno provinciale da parte delle aziende di dispositivi di sicurezza a cominciare dalle mascherine, fornendo richieste precise, in termini di forniture, al Tavolo per la sicurezza nazionale".