Coronavirus, Pd: in Ue vergognoso ostruzionismo Lega contro Italia

Rea

Roma, 26 mar. (askanews) - Brando Benifei, capodelegazione degli eurodeputati del Pd, denuncia "l'ostruzionismo" della Lega all'Europarlamento sulle proposte della Commissione, che sbloccano 37 miliardi di fondi europei per contrastare la pandemia di COVID-19 e per sospendere le norme sull'utilizzo delle bande orarie da parte delle compagnie aeree, oggi fortemente danneggiate dalle misure di contrasto al coronavirus.

"Misure ovviamente urgentissime - spiega Benifei - parliamo di soldi da destinare all'acquisto di equipaggiamento medico per ospedali, respiratori, mascherine e dispositivi di protezione individuale, oltre che per fornire capitale a piccole e medie imprese e per programmi di sostegno all'occupazione. Misure talmente urgenti - continua Benifei - che il PE ha deciso, per la prima volta nella storia, di votare in via telematica, perché non c'è un minuto da perdere. E qual è il contributo degli eurodeputati leghisti in tutto questo? Presentano una serie di emendamenti che, se approvati, farebbero saltare l'adozione della proposta, causando un ritardo enorme, e quindi un danno incalcolabile all'Italia, che più di ogni altro Paese UE beneficerebbe di queste misure. Un comportamento irresponsabile di cui la Lega è colpevolmente consapevole, un insulto a tutti coloro che si stanno battendo contro il virus. Il gruppo di estrema destra Identità e Democrazia, guidato dalla Lega, è l'unico ad avere messo in atto questo gioco vergognoso sulla pelle dei cittadini europei, per misere ragioni di propaganda", conclude il capodelegazione Pd.