Coronavirus, Pediatri Sipps: appropriatezza organizzativa in ricoveri -2-

Cro-Mpd

Roma, 24 mar. (askanews) - In molti ospedali i pazienti in età pediatrica sono gestiti in spazi dedicati, fa sapere Maria Carmen Verga, segretario nazionale SIPPS, "spesso vicini alle aree di pronto soccorso, anch'esse dedicate ai casi sospetti, non circolano per l'ospedale, non accedono al reparto dove sono ricoverati pazienti con altre patologie e dove il personale non indossa i presidi di protezione. L'inosservanza di queste basilari misure - aggiunge - può infatti comportare un grave rischio per il personale e per tutti gli eventuali contatti". E' ampiamente documentato, infatti, che tra "le principali cause di contagio ci sono proprio le procedure non corrette in ambiente ospedaliero - precisa Ernesto Burgio, componente del comitato scientifico SIPPS sulla Newsletter Covid-19 - e che in condizioni di estrema necessità si tende ad abbassare la soglia di sicurezza. Sono di questi giorni le proteste per il reclutamento di specializzandi e neolaureati e per l'utilizzo delle mascherine chirurgiche nell'assistenza dei pazienti positivi al Covid-19 al posto di quelle omologate FFP3. E' pertanto necessario verificare urgentemente se ci sono e quali sono gli ospedali in cui non sono stati approntati spazi e percorsi dedicati ai casi sospetti, la cui gestione rimane perciò indefinita ed improvvisata".

La SIPPS conclude ribadendo che "la sicurezza è una priorità assoluta e vuole portare all'attenzione un'altra criticità auspicando che tutti gli ospedali che non hanno ancora provveduto organizzino immediatamente i percorsi e le aree dedicate ai casi sospetti - termina Di Mauro - in corso di definizione diagnostica".