Coronavirus: Pessi (Luiss), 'blocco licenziamenti come cig nel '68 che salvò da scontro sociale'

·1 minuto per la lettura
Coronavirus: Pessi (Luiss), 'blocco licenziamenti come cig nel '68 che salvò da scontro sociale'
Coronavirus: Pessi (Luiss), 'blocco licenziamenti come cig nel '68 che salvò da scontro sociale'

Roma, 5 nov. (Labitalia) – "Il blocco dei licenziamenti in questo momento ha il grande compito di contenere la tensione sociale. Un po' come fece nel 1968 l'introduzione della cassa integrazione straordinaria: in un momento in cui in Italia spirava un vento globale fatto di occupazione di fabbriche e università, di carri armati russi che invadevano la Cecoslavacchia, di Jan Palach e delle prime avvisaglie in Germania della banda Baader-Meinhof, la cig dette un notevolissimo contributo alla pace sociale". Lo dice ad Adnkronos/Labitalia Roberto Pessi, giuslavorista, pro-rettore alla Didattica alla Luiss, a proposito della misura governativa.

"Il blocco dei licenziamenti differisce i momenti di tensione, che già da ora si comincia in qualche modo a bilanciare con gli ammortizzatori sociali, cosa che dovremo fare anche quando il blocco finirà, sperando che la crisi non comprometta il nostro sistema produttivo, che per ora, come dimostra il rimbalzo del Pil del 3° trimestre, sta reagendo", conclude Pessi.

(Mariangela Pani)