Coronavirus, piano centrodestra: bazooka finanziario da 30 miliardi

webinfo@adnkronos.com

Sanità, lavoro, imprese e famiglie. Queste, per il centrodestra, sono le ''quattro emergenze'' da affrontare subito con misure adeguate, o meglio le ''quattro pre-condizioni'' da cui partire per provare a debellare il Coronavirus, mettendo in sicurezza gli italiani Lega Fdi e Fi hanno preparato un documento unitario da presentare al governo per aiutare i cittadini e il Paese in questo momento delicato, non certo per dare un sostegno politico al Conte bis. In una conferenza stampa al Senato Matteo Salvini, Giorgia Meloni e Antonio Tajani, hanno illustrato alcuni punti, riguardo soprattutto gli aspetti sanitari e quelli economici.  

''L'Italia utilizzi il bazooka finanziario contro le emergenze'', è la raccomandazione, attraverso il ''varo immediato di un 'pacchetto' di misure di entità pari all'avanzo primario del 2019 e cioè circa 30 miliardi di euro, l'equivalente a 1,7 punti di Pil''. Questa, si legge nel testo, "è l'entità dello scostamento di bilancio che il centrodestra chiede di votare già la prossima settimana in Parlamento, in conformità all'articolo 6 della legge 243 del 2012, data la natura eccezionale dell'emergenza Covid-19''. L'Europa, in particolare, faccia la sua parte e ''guardi al futuro sostenendo la crescita''.  

Per il centrodestra ''è necessario condividere" queste proposte "con il governo attraverso un tavolo permanente con le opposizioni che possa concordare e aggiornare la misure economiche/sociali al mutare delle condizioni''. La ''sicurezza sanitaria deve essere accompagnata immediatamente da un piano di messa in sicurezza delle imprese, pena una catastrofe per il tessuto economico e sociale italiano''. E', quindi, ''assolutamente prioritaria una massiccia campagna per il rilancio del Made in Italy e dell'immagine dell'Italia nel mondo''. Il 'pacchetto di misure' ''dovrà interessare tutti i settori colpiti: dal turismo all'agroalimentare, dalla manifattura alla cultura e allo spettacolo, fino ai liberi professionisti e agli artigiani''.