Coronavirus, Piemonte: riorganizzazione degli ospedali

Red/Nav

Roma, 7 mar. (askanews) - "Abbiamo rappresentato al Governo la situazione di difficoltà del Piemonte, non vogliamo compiere fughe in avanti, ma è necessario prendere atto che nella nostra regione non è più possibile ricondurre i contagi a focolai accertati. In questo caso, la norma prevederebbe l'applicazione delle stesse disposizioni riservate alle zone con focolai autoctoni (come la 'zona gialla' in Lombardia). Attendiamo al più presto una risposta dal Governo". Così l'assessore regionale alla Sanità del Piemonte, Luigi Genesio Icardi, commentando l'evolversi della situazione in Piemonte sul Coronavirus.

Quanto alla disponibilità di posti letto da dedicare ai pazienti affetti da "coronavirus covid19", l'assessore osserva che si stanno attrezzando tutti gli ospedali strutturalmente idonei a ricavare uno o più reparti da destinare all'emergenza, in modo da evitare il più possibile la "movimentazione turistica" dei pazienti verso i "Covid Hospital".

"Secondo la letteratura scientifica - rileva Icardi - ad ogni posto di rianimazione, corrispondono 5 posti di ventilazione e 20 di ricovero ordinario. Su questo paradigma, stiamo riorganizzando la rete ospedaliera di emergenza, con l'obiettivo di mantenere i pazienti affetti da coronavirus sul territorio, avendo in questo modo a disposizione complessivamente un maggior numero di posti letto rispetto alla soluzione dei soli Covid Hospital". (Segue)