Coronavirus, Pittella(Pd): a Ue chiediamo flessibilità

Red/Lsa

Roma, 4 mar. (askanews) - "In questo momento siamo di fronte ad una crisi di fiducia e dell'immagine dell'Italia nel mondo. Non servono né il panico, né l'irrazionalità, ma è necessario concorrere ad uno sforzo collegiale, solidale e di responsabilità. Ci sarà il tempo per riprendere la lotta politica, ma oggi si risponde uniti". Lo ha detto il senatore Gianni Pittella, vicepresidente e capogruppo dem nella commissione Politiche Ue. "All'Ue dobbiamo chiedere per prima cosa di rendersi conto che siamo in tempi di imprevedibilità, per cui non si può rispondere con strumenti anchilosati e burocratici. Dobbiamo chiedere un reale coordinamento e raccordo delle politiche e dei protocolli sanitari dei 27 - ha sostenuto Pittella - l'immediata attivazione del Fondo di solidarietà per le catastrofi, di rendere flessibili tutti i parametri economico-finanziari per consentire la spesa necessaria per l'emergenza, per il contenimento della crisi e per la ripresa. E dobbiamo chiedere di intervenire in Africa, anche nel nostro interesse, perché può diventare una grande polveriera virale per tutti noi".