Coronavirus, poliziotto della scorta di Salvini positivo: “Sono tranquillo”

coronavirus scorta salvini

Un poliziotto della scorta di Matteo Salvini è risultato positivo ai test per il coronavirus. Ancora non si conoscono le sue generalità né le modalità con cui è stato contagiato, ma non avrebbe avuto incontri nell’ultimo periodo con il leader della Lega.

Salvini: “Sto bene”

A poca distanza dalla pubblicazione della notizia, l’ex ministro ha voluto fornire rassicurazioni affermando di stare bene e di non essere mai stato a contatto con l’agente in questione. Non essendo ancora giunta la controprova dell’Istituto Spallanzani, ha preferito utilizzare il condizionale per riferirsi alla positività dell’uomo.

Ha poi spiegato che farà tutto ciò che le Autorità sanitarie gli chiederanno, come ogni altro cittadino. Nessuna risposta, “al massimo un sorriso“, a chi sta utilizzato la vicenda per attaccarlo sfruttando una malattia. Infine un ringraziamento per i tanti messaggi arrivatigli e il suo ritorno al telefono con sindaci e medici che si stanno adoperando per fronteggiare il virus.

Coronavirus: positivo agente scorta di Salvini

La notizia della positività è giunta nella serata di venerdì 6 marzo 2020. Stando alle prime informazioni giunte si tratterebbe di un agente del dispositivo di sicurezza che non è entrato a contatto con il segretario del Carroccio negli ultimi giorni né in auto né accanto a lui. Per gli altri colleghi della scorta sarebbe scattato l’auto isolamento per 14 giorni in modo da evitare il diffondersi del contagio.

Salvini si è detto tranquillo e disponibile a sottoporsi a tampone nel caso fosse necessario. Il suo staff avrebbe comunque spiegato che probabilmente il test su di lui non troverà effettuazione proprio perché è mancato il contatto con l’infetto. La prassi prevede infatti che le verifiche siano fatte soltanto con persone che nell’ultimo periodo abbiano avuto incontri ravvicinati con chi ha contratto il virus.

Proprio nella stessa giornata il leghista, tornato in Lombardia dopo aver presentato con Meloni e Tajani le sue proposte economiche per fronteggiare l’emergenza, aveva visto il presidente Attilio Fontana insieme a sindaci, cittadini e volontari. Quest’ultimo nella scorsa settimana si era posto in auto isolamento dopo che i medici avevano riscontrato la positività di un consigliere della Regione. Lui è invece risultato negativo al tampone.