Coronavirus, positivo evade da quarantena: era appena stato dimesso

coronavirus positivo evade quarantena

Ennesimo caso di uomo positivo al coronavirus che evade dalla quarantena ed esce di casa rischiando di alimentare la catena dei contagi e contravvenendo alle norme governative. Questa volta è accaduto a Milano la cui Polizia locale ha segnalato il caso all’Autorità giudiziaria.

Uomo positivo al coronavirus evade dalla quarantena

L’episodio si è verificato precisamente in piazzale Loreto, dove una pattuglia ha fermato un uomo che si stava spostando in città per i consueti controlli. Dopo aver scoperto che non aveva nessuno dei validi motivi per i quali il decreto consente di uscire di casa, hanno fatto una rapida verifica e l’hanno trovato nell’elenco di persone positive all’infezione.

Sono quindi venuti a sapere che il soggetto era stato dimesso poco prima dall’ospedale perché si trovava in buone condizioni. I medici gli avevano però raccomandato di rimanere nel proprio domicilio e di non uscire per alcuna motivazione fino al termine del periodo di isolamento prescritto. L’uomo non aveva però dato loro ascolto e, se gli agenti non lo avessero fermato, avrebbe potuto trasmettere il virus ad altre persone. La Polizia lo ha denunciato e riaccompagnato nella sua abitazione dove dovrà restare fino a quando la quarantena non sarà terminata.

Si tratta di uno dei 363 cittadini di Milano e provincia a cui le forze dell’ordine hanno sporto denuncia per inosservanza dei decreti mercoledì 25 marzo 2020. In totale nella giornata i controlli sono stati 12.218.