Coronavirus, a Prato dal 6 aprile arriva il tampone privato

Coronavirus, dal 6 aprile a Prato si potrà fare il tampone privato

Da lunedì 6 aprile, in una tenda allestita dalla Croce Rossa Italiana nel piazzale di fronte alla sede di un istituto di diagnostica a Prato sarà possibile sottoporsi a tampone faringeo privato per verificare se si è positivi o meno al coronavirus. Per questo particolare tampone i pazienti non avranno bisogno né della prescrizione del proprio medico curante né tantomeno di attende che il servizio sanitario nazionale decida di farsene carico. Chiunque vorrà sottoporsi al test potrà farlo come un qualsiasi esame privato, dunque pagando un ammontare in denaro. La cifra prevista, per ogni singola analisi, è di 102 euro, di cui una parte sarà devoluta alla Croce Rossa. L’iniziativa è partita da sei centri medici privati che sono stati autorizzati e accreditati presso il sistema sanitario regionale.

Tampone privato per diagnosticare il coronavirus

Secondo quanto riportato da Il Manifesto, il guadagno netto per ogni singolo tampone si aggirerebbe intorno ai 99 euro. Nello specifico ai 102 euro richiesti andrebbe tolto il costo del materiale per un tampone faringeo, più o meno 1 euro, e la spesa per la marca da bollo che a Prato, come in altre città, dovrebbe corrispondere a 2 euro.

Resterebbero come detto 99 euro, 4 volte il prezzo di un tampone faringeo con coltura che verifichi la presenza di vari batteri e miceti con coltura in un qualsiasi laboratorio privato di Milano. Non sarebbe inoltre ben chiaro quale possa essere la ripartizione di questo guadagno netto tra gli studi privati promotori dell’iniziativa e la Croce Rossa Italiana.