Coronavirus, Pregliasco: “È necessario adottare le misure in tutta Italia”

Coronavirus, Pregliasco: “È necessario adottare le misure in tutta Italia”

La situazione legata al diffondersi del coronavirus in Italia non può più essere sottovaluta, è questo quello che viene fuori dalle dichiarazioni rilasciate dal virologo Fabrizio Pregliasco a RTL 102.5: “I posti in terapia intensiva stanno finendo, bisogna adottare in tutta Italia le misure indicate perché solo così si fermerà il virus. E i giovani devono responsabilizzarsi”. Il suo è un invito a tenere alta la soglia dell’attenzione e cercare di rispettare in maniera rigorosa le misure cautelative imposte dal DPCM dell’8 marzo in tutta Italia.

Coronavirus in Italia, Pregliasco ai giovani

Pregliasco si è rivolto in particolare modo ai più giovani, di certo i soggetti più forti nella reazione al virus, ma non per questo meno contagiosi: “I giovani devono capire che può toccare i nonni, gli zii, persone a loro care o care a un’altra persona e questo deve indurre ad una responsabilizzazione, dovendo fare cose per lo più banali per un po’ di tempo ma che venga fatto da tutti sistematicamente”. Agire in maniera responsabile dunque è questo l’appello che Pregliasco fa ai giovani di tutta Italia per fronteggiare l’emergenza coronavirus: “Siamo tutti suscettibili e possiamo essere tutti colpiti – ha aggiunto il virologo – Purtroppo questa patologia è più pesante di una normale influenza che raramente causa polmoniti virali interstiziali. Questa malattia, invece, causa difficoltà respiratorie ed esigenze di assistenza respiratoria in terapia intensiva e questo virus, lo fa nel 10% dei casi. In questo momento la paura e la concretezza di questa situazione in Lombardia è quella di non avere posti sufficienti per assistere chi ha le patologie più pesanti”.

Pregliasco e i casi di guarigione

Il coronavirus in Italia si può combattere solo rispettando il parere della scienza perchè, come sostenuto dalla stesso Pregliasco, da questo virus si guarisce nella maggioranza dei casi: “Tutte le persone, salvo chi ha complicanze che fanno precipitare la funzionalità polmonare o del cuore, guariscono. A volte con un passaggio in terapia intensiva, il nostro organismo riesce a guarire nell’arco di alcune settimane.