Coronavirus: presidenti Coa a governo, 'accelerare pagamenti e ampliare fondo' (2)

Coronavirus: presidenti Coa a governo, 'accelerare pagamenti e ampliare fondo' (2)

(Adnkronos) – La lista contempla anche la "cessione pro soluto dei crediti che gli avvocati italiani hanno nei confronti dello Stato per le prestazioni rese in regime di patrocinio a spese dello Stato e già liquidate, ripristinando il meccanismo dell’anticipazione delle Poste Italiane abolito nel 2006; istituzione di strumenti straordinari di credito agevolati, sia quanto alle condizioni finanziarie sia quanto alla valutazione del rischio, eventualmente anche a sconto dei crediti che gli avvocati vantino nei confronti dei rispettivi clienti; adozione di misure necessarie di carattere assistenziale a sostegno della genitorialità ed a sostegno degli avvocati che saranno chiamati ad assistere i familiari colpiti (in via indiretta o diretta) dall’emergenza sanitaria; riduzione dell'aliquota fiscale sugli investimenti a carico della Cassa Forense (26%), parificandola a quella riconosciuta ai fondi pensione (20%) per almeno due anni, in modo da consentire di liberare risorse in favore dell'avvocatura".

Gli ultimi tre punti dell'elenco riguardano la "Riduzione temporanea della garanzia di equilibrio finanziario della gestione previdenziale di Cassa Forense, attualmente demandato a bilanci tecnici riferiti ad un arco temporale di 50 anni, per consentire all’ente di disporre di maggiori risorse da destinare all’assistenza degli avvocati in questo periodo emergenziale; accelerazione dei tempi per l’approvazione da parte dei Ministeri vigilanti delle modifiche ai regolamenti di Cassa Forense, necessarie per rendere possibile la destinazione di maggiori risorse all’assistenza; defiscalizzazione dei contributi per gli interventi assistenziali di Cassa Forense; attuazione urgente delle varie proposte formulate dall’Associazione degli Enti di Previdenza Privati-Adepp per fare fronte alle esigenze degli iscritti e immediata operatività dell’intesa sottoscritta tra Adepp e Cassa Depositi e Prestiti per consentire ai liberi professionisti di beneficiare di uno strumento finanziario in grado di facilitare l’accesso al credito, a costi più bassi, di importo superiore e senza garanzie aggiuntive, tramite il finanziamento garantito dal Fondo Pmi".

La missiva si conclude con la piena disponibilità alla collaborazione "per addivenire a soluzioni condivise ed effettivamente satisfattive".