Coronavirus, Prestigiacomo: Cura Italia è insufficiente

Pol/Bac

Roma, 18 mar. (askanews) - "La mini proroga concessa alle imprese di soli 4 giorni per far fronte agli oneri fiscali è ridicola e del tutto distante dai problemi che stanno vivendo le nostre imprese che in questa situazione semplicemente non hanno le risorse per far fronte a questi pagamenti". Lo dichiara in una nota Stefania Prestigiacomo deputata di Forza Italia e Vicepresidente della Commissione Bilancio Camera.

"Se sul piano sanitario Forza Italia garantisce la massima collaborazione, perché è quanto mai necessario adesso rimanere uniti per affrontare l'emergenza, sul fronte economico - aggiunge - c'è molto da fare e da cambiare. Bisogna dare più tempo e lasciare liquidità nelle casse delle imprese, altrimenti rischiano la chiusura definitiva non avendo le risorse per reggere i pagamenti e le spese per i lavoratori che stanno usufruendo delle ferie e della cassa integrazione. Ci sono migliaia di imprese che,senza i sostegni adeguati, rischiano di non riaprire più. Il governo rimandi i pagamenti fiscali per un semestre e spalmi il totale dovuto all'erario nei prossimi anni. Solo così le aziende avranno un po' di respiro".

"Ma il decreto -sottolinea - prevede anche nuovi appesantimenti procedurali per accedere alla Cig, come l'obbligo di contattare tutti i sindacati e farsi autorizzare da loro il ricorso alla Cig non previsto dalla legge vigente che per eventi oggettivamente non evitabili, mentre l'impresa deve solo comunicare durata e numero dei lavoratori interessati alla Cig. E' chiaro che i 25 miliardi del Cura Italia sono insufficienti e che servirà un altro decreto oltre ad un aiuto massiccio da parte dell'UE attraverso i soldi del Fondi Salva Stati, come chiediamo da giorni. Non lasciamo morire anche la nostra economia. Forza italia si batterà con tutti i mezzi necessari per difendere imprese e lavoratori in modo che venga garantito il giusto sostegno per superare una crisi che rischia di mettere l'economia italiana in ginocchio", conclude.