Coronavirus, primo caso all’interno del Consiglio europeo

consiglio europeo coronavirus

Coronavirus, primo caso rilevato all’interno del Consiglio europeo. A rivelarlo un portavoce nel primo pomeriggio di mercoledì 4 marzo all’agenzia stampa “Reuters“, che riporta la notizia da Bruxelles.

Coronavirus, primo caso nel Consiglio europeo

Il coronavirus arriva anche tra i banchi del Consiglio europeo di Bruxelles, dove a confermare la notizia è il portavoce dell’organo. All’interno di quest’ultimo doveva tenersi, nella giornata di mercoledì 4 marzo, una riunione d’emergenza con tutti i ministri dei 27 Stati membri del blocco, quando è giunta la notizia del contagio. La persona infetta sarebbe stata colpita in Belgio, avrebbe rivelato l’unità di sicurezza dell’informazione.

I ministri, che erano attesi per un incontro straordinario sulla crisi migratoria alle frontiere con la Turchia, procederanno comunque con il programma previsto. “Nessuno rischio per la salute dei partecipanti”, avrebbe confermato il portavoce del Consiglio.

Le riunioni andranno avanti

Il Consiglio europeo, che ospita riunioni ministeriali e dei vertici europei, è composto da un personale di circa 3.000 persone. Normale quindi pensare ad uno spostamento, o a delle misure precauzionali preventive per tutti i ministri, ma a detta del portavoce ufficiale, le riunioni andranno comunque avanti: “Non ci dovrebbero essere interruzioni al lavoro delle nostre istituzioni”, avrebbe affermanto, aggiungendo che tutti i programmi sono in linea con i protocolli diffusi dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). Atteso invece per venerdì 6 marzo l’incontro d’emergenza dei ministri della Sanità dell’Ue, che dovrebbero tenere dei colloqui nello stesso edificio sulla risposta da attuare nei confronti dell’epidemia di coronavirus, ormai sfociata dappertutto in Europa.