Coronavirus, primo morto in Europa

webinfo@adnkronos.com

Primo morto in Europa e fuori dall’Asia per il coronavirus. La vittima è un turista cinese 80enne della provincia di Hubei, arrivato in Francia il 16 gennaio scorso. Secondo quanto ha reso noto la ministra della Sanità francese, Agnes Buzyn "l'uomo è stato ricoverato 25 gennaio all'ospedale Bichat di Parigi, insieme alla figlia, con rigorose misure di isolamento. Le sue condizioni di salute si erano deteriorate rapidamente e da diversi giorni era in condizioni critiche in terapia intensiva". Lo stato di salute di sua figlia, anch'essa affetta da Covid-19, "non desta più preoccupazioni" ha aggiunto Buzyn, indicando che quest'ultima dovrebbe essere in grado di lasciare presto l'ospedale. 

In totale, ha ricordato la ministra, vi sono stati undici casi confermati in Francia. Al momento uno è deceduto, quattro sono stati dimessi dopo essere guariti e altri sei rimangono ricoverati ma il loro stato non desta preoccupazione.  

Finora sono state registrate solo tre morti al di fuori della Cina continentale: nelle Filippine, a Hong Kong e in Giappone. La stragrande maggioranza delle persone infette dal virus si trova in Cina, dove l'epidemia ha ucciso quasi 1.400 persone.