Coronavirus, pronta nel capoluogo lombardo struttura per tamponi rapidi

·3 minuto per la lettura
Covid, a Milano il drive through più grande d’Italia: mille tamponi al giorno
Covid, a Milano il drive through più grande d’Italia: mille tamponi al giorno

È in via di completamento il drive through di Milano grazie al quale nei prossimi giorni potranno essere eseguiti e processati oltre mille tamponi al giorno, alleggerendo in questo modo la pressione sugli altri ospedali del capoluogo lombardo. In questo modo i cittadini sospetti di aver contratto il coronavirus potranno effettuare il tampone restando tranquillamente a bordo della propria auto, attendendo l’esito del test nel parcheggio sito vicino alle cinque tensostrutture presenti.

Covid, al via il drive through di Milano

Allestito grazia all’intervento dell’Esercito e del ministero della Difesa, quello di Milano sarà il drive through più grande d’Italia e sarà situato nei pressi del Parco di Trenno, nell’enorme parcheggio lungo la via Novara realizzato per i mondiali di calcio di Italia 90 e tornato in auge più volte nel dibattito pubblico come possibile sede della grande moschea di Milano. Quello del Parco di Trenno è inoltre solo uno dei tre drive through che stanno venendo allestiti a Milano, oltre a quello di Romolo e a quello dell’aeroporto di Linate.

Una volta giunti sul posto, le persone dovranno eseguire l’accettazione con il personale Ats e successivamente potranno effettuare il tampone direttamente dalla propria automobile. Il tampone verrà poi processato in pochi minuti dai medici militari nelle tensostrutture di 12 metri per lato site nel parcheggio. Se il tampone dovesse risultare positivo, la persona dovrà a questo punto eseguire anche un test molecolare in un’altra tensostruttura li presente. Secondo quanto riportato inoltre da Riccardo Luzzi, capitano del I reggimento trasmissioni dell’Esercito: “Sarà possibile effettuare circa mille tamponi al giorno. Stiamo realizzando una struttura con otto linee di prelievo: il personale militare sanitario raccoglierà i tamponi che successivamente saranno processati dall’Ats Milano”.

Esercito, drive throug Milano (1)
Esercito, drive throug Milano (1)

Il commento del ministro della Difesa

L’allestimento dei drive through da parte dell’esercito è stato commentato positivamente anche dal ministro della Difesa Lorenzo Guerini, che ha dichiarato: “La Sanità Militare, con le sue specificità nel campo medico e di ricerca, ha dimostrato in questo mesi la sua importanza e il suo valore strategico e questo ulteriore supporto, in collaborazione con il ministero della Salute, consentirà di poter garantire un controllo ancora più capillare sul territorio. Ringrazio ancora una volta i nostri soldati, i medici, tutto il personale sanitario e tutti i militari che in silenzio operano senza sosta in questa lotta. L’impegno di tutti unisce il Paese”.

A partire dal fine settimana appena trascorso sono già operative circa 1.400 unità di drive through, suddivise a loro volta in 200 squadre che sono attualmente in grado di eseguire circa 30mila tamponi al giorno. A questi si aggiungono i dodici laboratori di analisi che il ministero della Difesa metterà a disposizione a partire dalla fine del mese di novembre, grazie ai quali sarà possibile effettuare circa 19mila test settimanali.

Stando infine a un comunicato delle Forze Armate, l’allestimento delle strutture di drive through: “Rientra nel più ampio supporto fortemente voluto dal ministro della Difesa, e che vede coinvolte tutte le Forze Armate. Opera il personale del I reggimento trasmissioni. Unità dell’Esercito inquadrata nel corpo d’armata di Reazione Rapida della Nato. Un comando multinazionale dell’Alleanza situato a Milano capace di intervenire rapidamente per la condotta di un’ampia gamma di operazioni.