Coronavirus, Radiologi: diagnosi in 20 secondi con TC? Fake

Cro-Mpd

Roma, 24 mar. (askanews) - "Purtroppo alcuni organi di stampa stanno dando notizia che con alcuni sistemi d'intelligenza artificiale sia possibile fare una diagnosi TC di polmonite da Covid-19 in 20 secondi. Questo è FALSO!". La Società Italiana di Radiologia Medica ed Interventistica, SIRM, quale unica società scientifica italiana di area radiologica accreditata, con i suoi più di 11.000 membri, presso il Ministero della Salute, in merito a recenti notizie diffusa su chat e riprese da alcune testate giornalistiche, fa chiarezza sull'utilizzo di software di intelligenza artificiale che diagnostichino con altissima accuratezza la malattia da Covid-19 su immagini TC e sulla possibilità di screening di massa con TC od ecografie. E chiarisce: "con la TC è possibile fare solo diagnosi di polmonite interstiziale virale; la TC non può fare diagnosi differenziale fra una polmonite interstiziale da Covid 19 e qualsiasi altra polmonite interstiziale dovuta ad altri virus; non risulta di alcuna utilità far analizzare da un software di intelligenza artificiale le TC in 20 secondi, perché individuare le lesioni, eventualmente presenti, nel parenchima polmonare risulta alla TC assai semplice ed ogni medico radiologo già raggiunge una sensibilità del 100%; in Italia, i medici radiologi, anche nelle aree epidemiche più coinvolte da questa epidemia, non hanno mai procurato alcuna interruzione del servizio ed, insieme con l'intero staff dell'area radiologica, sono con abnegazione e spirito di servizio sul loro posto di lavoro; devono essere prioritariamente garantite le procedure di sanificazione delle apparecchiature dopo ogni esame su pazienti positivi o sospetti. Per nessun motivo possono essere condotti esami TC od ecografici, come screening, pena contribuire a diffondere il contagio".

(Segue)