Coronavirus, Raggi: serve responsabilità, restate a casa

Lme

Milano, 9 mar. (askanews) - "Lancio questo appello da Facebook per raggiungere il maggior numero di persone. In queste ore l'Italia, tutti noi stiamo lottando per bloccare la diffusione del coronavirus. Fate attenzione: non si tratta di una semplice febbre. Si tratta di un virus molto contagioso che attacca tutti. Al momento non c'è un vaccino che immunizzi dal virus. E, nei casi in cui l'infezione si è già trasformata in polmonite, non è ancora possibile somministrare una cura capace di debellarla senza assistenza medica. L'unica cosa che possiamo fare è bloccare il contagio. Possiamo farlo evitando di stringere la mano, stare in luoghi affollati. Dobbiamo evitare assembramenti, dobbiamo cambiare il nostro stile di vita". Lo scrive in un post su Facebook la sindaca di Roma Virginia Raggi.

"Se non fermiamo il contagio - aggiunge Raggi - si ammaleranno sempre più persone. Una percentuale di queste avrà bisogno dell'assistenza medica in ospedale: il problema è che i posti in rianimazione sono limitati e non c'è modo di aumentarli alla stessa velocità di diffusione del virus. Per questo dobbiamo collaborare tutti per evitare che il corona virus si diffonda. Lo ripeto: restate il più possibile a casa e rispettate le indicazioni del Governo e della Protezione Civile. Dovete farlo per voi e per i vostri cari: i nostri genitori, i nostri nonni, i nostri famigliari sono le persone più a rischio. Ma - attenzione - anche le persone più giovani possono essere colpite dal virus".

"Non siate superficiali - conclude la sindaca - siate responsabili. Le immagini di bar e luoghi di ritrovo colmi di gente sono uno schiaffo all'intelligenza. Nessun panico; tutto si risolve ma ci si deve impegnare. Ognuno deve fare la propria parte. Supereremo insieme questa prova. Questo è il momento dell'impegno. Presto - sono certa - ci rialzeremo insieme".