Coronavirus, Rampelli: su deficit vittoria degli italiani in Ue

Fdv

Roma, 7 mar. (askanews) - "La notizia che la commissione europea ha riconosciuto la richiesta di stralciare le spese per gli impegni sanitari ed economici dal rapporto deficit/pil è una bella vittoria dell'Italia. Una proposta fatta all'origine di questa epidemia da Fratelli d'Italia che ha poi visto all'approvazione di un ordine del giorno in tal senso. Siamo contenti che praticamente tutte le proposte avanzate da noi nel primo decreto sul coronavirus siano state concretizzate: dall'assunzione straordinaria di personale medico e sanitario all'estensione dei posti letto nei reparti di malattie infettive, alla fondamentale questione della moltiplicazione dei posti di terapia intensiva, su cui purtroppo si sta facendo fatica a fornire risposte immediate a causa della carenza di apparecchi bio medicali". È quanto dichiara il vicepresidente della Camera dei deputati Fabio Rampelli.

Oggi, continua, "il Governo ha anche provveduto alla requisizione dei dispositivi di protezione individuale, come richiesto da Giorgia Meloni nella conferenza stampa di ieri mattina. Una dimostrazione che anche dall'opposizione si può servire il proprio popolo e soccorrere chi si trova in difficoltà. L'unico rammarico può essere rappresentato da un eccesso di confusione e sottovalutazione nelle prime fasi di questa emergenza che hanno lasciato spazio perfino a strumentalizzazioni politiche e attacchi che hanno danneggiato l'Italia è a cui noi non ci siamo mai prestati. I conti li faremo quando medici, personale sanitario, forze dell'ordine, protezione civile che stanno svolgendo un lavoro straordinario, finito il pericolo per la salute dei cittadini, potranno tornare al loro preziosi lavoro ordinario. Allora qualche domanda sarà d'obbligo, anche per capire cosa si dovrà migliorare in futuro per essere più efficaci e tempestivi. Ora si combatte tutti insieme per uscire dal tunnel e tutelare l'interesse nazionale".