Regina Elisabetta: "Torneranno giorni migliori"

webinfo@adnkronos.com

"Siamo in un momento che so essere sempre più difficile per la vita del nostro Paese, un momento di sconvolgimento, che ha portato dolore ad alcuni, difficoltà economiche a molti e a enormi cambiamenti nella vita di tutti". Queste le parole pronunciate in apertura del suo discorso alla nazione - il quarto in 68 anni di regno - dalla regina Elisabetta, che si è rivolta al popolo britannico con un messaggio in tv per parlare dell'emergenza coronavirus. Nel suo discorso di quattro minuti alla nazione, la regina Elisabetta ringrazia anche "chi resta a casa" e, facendo così, "aiuta a proteggere le persone fragili e a risparmiare a molte famiglie il dolore già sofferto da quelli che hanno perso i loro cari". 

"Stiamo affrontando insieme questa malattia e voglio assicurarvi che, se resteremo uniti e determinati, vinceremo noi". "In questo momento ci troviamo insieme a tutte le nazioni nel mondo in questa sfida comune, usando i grandi progressi della scienza e la nostra compassione: avremo successo e questo successo appartiene a ognuno di noi".  

"Grazie a tutti quelli nel Servizio sanitario nazionale che sono in prima linea" nella lotta al coronavirus e che "altruisticamente continuano ogni giorno a lavorare fuori di casa per sostenere tutti noi". "Sono sicura - afferma, rivolgendo il suo ringraziamento agli operatori sanitari - che la nazione si unisce a me nell'assicurarvi che quello che fate viene apprezzato e che ogni ora del vostro duro lavoro ci avvicina sempre di più al ritorno a tempi più normali". 

"Torneranno giorni migliori. Saremo di nuovo con i nostri amici, saremo di nuovo con le nostre famiglie, ci incontreremo di nuovo", ha concluso la sovrana 93enne.