Coronavirus, Regione Liguria: no 'scippi' fondi Ue già destinati

Fos

Genova, 20 mar. (askanews) - "Per fronteggiare una crisi straordinaria per natura e conseguenze come questa servono risorse straordinarie e non lo 'scippo' dei già miseri fondi dedicati al fragile tessuto economico regionale". Lo afferma l'assessore allo sviluppo economico della Regione Liguria, Andrea Benveduti, commentando il decreto "Cura Italia".

"Per noi - sottolinea l'assessore ligure - è inaccettabile la richiesta della Commissione Europea per il riutilizzo delle risorse dei fondi strutturali, già stanziate nell'ambito delle politiche di coesione, per scopi di 'spesa sanitaria'. Anche perché è un ragionamento che andrebbe a premiare le Regioni meno virtuose nell'utilizzo dei fondi, lasciando quelle più attive e meritorie come la Liguria praticamente senza fondi".

"E poi diremo no a queste richieste - spiega Benveduti - perché non possiamo tradire le aspettative di tutte le controparti regionali che hanno in qualche modo programmato e atteso tali economie per risollevare un minimo situazioni già di grave difficoltà, è il caso delle aree di crisi non complessa".

"Pianificheremo invece - conclude l'assessore - una parziale modifica dell'utilizzo di tali risorse e cercheremo di dedicare l'asse 1 del Por Fesr al supporto informatico allo smart working per le aziende, specie di ridotte dimensioni, capitolo quanto mai importante che il governo ha finora lasciato scoperto".