Coronavirus, Regione Toscana: in arrivo misure per imprese e lavoratori

Red/Rus

Roma, 12 mar. (askanews) - "La Regione Toscana è pronta da emanare misure urgenti al fine di ridurre gli impatti negativi per i lavoratori ed i datori di lavoro conseguenti all'adozione delle azioni di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da Covid-19. Non appena sarà emanato il decreto legge volto a definire le prime misure urgenti a sostegno delle famiglie, dei lavoratori e delle imprese connesse all'emergenza da coronavirus, la Regione farà la propria parte". Ad affermarlo, in un videomessaggio, è stata l'assessore regionale a Lavoro, formazione ed istruzione, Cristina Grieco, all'indomani dello svolgimento della Nona commissione della Conferenza delle Regione, da lei presieduta in videoconferenza, e della commissione Tripartita con le parti sociali, dove sono emersi gli elementi essenziali dell'accordo che regolerà l'accesso agli strumenti di sostegno al reddito dei lavoratori attraverso la previsione degli ammortizzatori sociali in deroga con la finalità di mantenere la continuità produttiva ed occupazionale. I punti principali che sono stati condivisi sono i seguenti: potranno richiedere la cassa in deroga tutti i datori di lavoro del settore privato, incluso quello agricolo, anche con meno di cinque addetti, a beneficio dei lavoratori dipendenti di unità produttive ubicate in Toscana, che sono sospesi dal lavoro o effettuano prestazioni di lavoro a orario ridotto per contrazione o sospensione dell'attività produttiva per situazioni aziendali inerenti gli effetti diretti o indiretti del fenomeno epidemiologico Covid-19 e delle misure di contenimento previste dalle autorità preposte; una volta che l'Inps avrà emanato la circolare attuativa dello strumento, i datori di lavoro presenteranno domanda di concessione di Cassa in deroga alla Regione Toscana in via telematica attraverso il proprio Sistema Informativo, secondo modalità snelle; i datori di lavoro dovranno allegare alla domanda l'accordo sottoscritto all'esito della consultazione sindacale.(Segue)