Coronavirus, Renzi: "Ci aspettano mesi difficili, diamoci una mano"

webinfo@adnkronos.com

"Io sono campione mondiale di polemiche, cintura nera di litigi ma sin dall'inizio dell'emergenza ho detto 'nessuna polemica'. Noi siamo di fronte a un fatto storico, nessuno pensi che ce la caveremo in qualche giorno o qualche settimana. E' una questione internazionale, una pandemia e durerà per mesi. Finché non si troverà il vaccino e forse saranno gli italiani a trovarlo ma fino a quel momento diamoci tutti una mano, abbassiamo il tono delle polemiche e cerchiamo di dare una mano agli italiani perchè i mesi che ci aspettano sono molto difficili e complicati". Lo dice Matteo Renzi a L'Arena su La7. 

"Ho cercato di dire agli altri Paesi 'intervenite perché non possiamo perdere tempo'. Questa è la sintesi delle mie interviste. Quando dico 'impariamo dagli errori' voglio dire: evitiamo di commettere gli stessi errori in tutto il mondo", aggiunge soffermandosi sulle polemiche seguite ad alcune interviste. 

"Siamo in presenza di una enorme questione internazionale. Io ho dato dei suggerimenti al presidente Conte, ho suggerito di chiamare Bertolaso. Conte ha fatto un'altra scelta, va benissimo. Noi siamo qui a dire Viva Conte e a dire Viva Fontana che ha chiamato Bertolaso. Nell'emergenza più nera non ti metti a piantare bandierine", afferma ancora.