Coronavirus, riabilitazione per gli "otto" che rivelarono contagio -3-

Mos

Roma, 30 gen. (askanews) - "In retrospettiva, dovremmo essere molto grati nei loro confronti", ha affermato Zeng, parlando degli otto di Wuhan. "Sono stati - ha proseguito - saggi prima del diffondersi del contagio".

La rivalutazione di Zeng viene dopo che anche la Corte suprema del popolo cinese, martedì, ha scritto he le rivelazioni degli otto andavano "tollerate", perché avrebbero contribuito a limitare il contagio, se fossero state ascoltate. "I fatti - ha spiegato la corte - dimostrano che, sebbene la polmonite da nuovo coronavirus non sia la SARS, le informazioni diffuse dalle otto persone non erano completamente infondate".