Coronavirus, Righini (FdI): su Nerola D'Amato e' disinformato

Bet

Roma, 25 mar. (askanews) - "Vanno rispedite al mittente le infondate gravi accuse che l'assessore D'Amato, evidentemente completamente all'oscuro della realtà dei fatti, ha rivolto in maniera pretestuosa alla Casa di Riposo di Nerola". Così in un comunicato Giancarlo Righini, consigliere regionale del Lazio di Fratelli d'Italia, che attribuisce "le gravi inadempienze sono da attribuire al direttore della Asl Rm 5 che ha disposto l'intervento dei sanitari solo oggi, pur essendo stato allertato fin da sabato scorso dalla direzione della Casa di Riposo di Nerola per il tramite della rete territoriale. Particolarmente grave ed infondata l'accusa di abbandono di persone non autosufficienti, dato che quella di Nerola non è una RSA ma una casa di riposo e sebbene non sia obbligatorio, l'organico - dice - prevedeva comunque un infermiere e la struttura disponeva perfino del servizio di Telemedicina. La situazione sanitaria degli anziani si è aggravata a causa del mancato intervento della Asl che ha consentito il diffondersi del Coronavirus. D'Amato chieda scusa e rimuova subito il direttore della Asl, unico responsabile di questa catastrofe, che la sua giunta ha nominato.".