Coronavirus, a Roma dato più basso della settimana

webinfo@adnkronos.com

"Oggi registriamo un dato di 210 casi di positività e un trend che si conferma sotto al 10% per il secondo giorno consecutivo. Più del 40% dei casi di oggi sono concentrati nelle province di Frosinone e Rieti (88 casi) e la maggioranza di questi casi è legata ai cluster delle case di riposo e residenze per anziani, mentre il dato di Roma città è il più basso da inizio settimana con 38 casi e per la prima volta ci sono ospedali nella capitale, come il San Giovanni, che nelle ultime 24h non hanno preso in carico nessun paziente positivo al Covid". Lo evidenzia l'assessore alla Sanità e l’Integrazione Sociosanitaria della Regione Lazio Alessio D’Amato al termine dell’odierna videoconferenza della task-force regionale per il Covid-19 con i direttori generali delle Asl e Aziende ospedaliere e Policlinici universitari e ospedale Pediatrico Bambino Gesù. 

"Questi dati ci dicono che non bisogna abbassare la guardia, dobbiamo assolutamente continuare nelle misure di contenimento e nella più alta sorveglianza delle strutture per anziani che oggi rappresentano la vera frontiera dell’epidemia nella nostra regione", continua l'assessore, che sottolinea: "Proseguono i controlli in tutta la regione sulle case di riposo in collaborazione con le Prefetture". 

Nella Regione, spiega ancora D'Amato, "continuano ad essere in aumento i guariti che nelle ultime 24 ore salgono di 36 unità arrivando a 200 totali. Sono usciti dalla sorveglianza domiciliare in 7.491 e si dimezzano i decessi che sono 6".  

"Aumentata la rete dei laboratori con Viterbo, l’Ao San Camillo, l’Ao San Giovanni e l’Istituto Zooprofilattico per sopperire con scorte autonome alla difficolta dell’approvvigionamento dei reagenti e dei kit estrattivi. Accordo infine tra l’Ospedale pediatrico Bambino Gesù e il Policlinico Umberto I per la gestione in sicurezza dell’oncologia pediatrica", conclude l’assessore. 

BOLLETTINO - Sono 2.181 i casi positivi a Covid-19 nella regione Lazio. Di cui 1.063 in isolamento domiciliare, 985 ricoverati non in terapia intensiva, 133 in terapia intensiva. Sono invece 124 i pazienti deceduti e 200 le persone guarite. In totale sono stati esaminati 2.505 casi. Questi i dati aggiornati nel bollettino della task force della Regione Lazio.