Coronavirus, Ronzulli: chiudere negozi non indispensabii

Adm

Roma, 10 mar. (askanews) - Bisogna chiudere i negozi che non vendono beni di prima necessità, ovviamente predisponendo anche un "adeguato sostegno economico" per i titolari e per i dipendenti. Lo chiede la vice-presidente di Fi al Senato Licia Ronzulli.

"Tra le misure per contenere l'emergenza sanitaria - afferma - bisognerebbe prevedere anche la chiusura degli esercizi commerciali che non vendono beni di prima necessità. Acquistare farmaci e fare la spesa è un conto, ma l'acquisto di beni non urgenti o indispensabili può essere tranquillamente sospeso, prevedendo le dovute garanzie economiche ai commercianti e ai loro dipendenti".

Conclue la Ronzulli: "Questa epidemia non è uno scherzo e prima lo capiamo meglio è, una maggiore prudenza adesso serve anche a tornare alla normalità quanto prima".