Coronavirus, Saccone (Fi-Udc): moratoria per fidi bancari

Pol-Afe

Roma, 17 mar. (askanews) - "Molte piccole e medie aziende rischiano il collasso. Bene alcuni provvedimenti del Decreto del Governo in special modo su sanità e ammortizzatori sociali ma sul tema della difesa delle imprese c'è ancora molto da fare. Appare risibile se non un paradosso il bonus una tantum, previsto al momento, di 600 euro alle partite Iva e autonomi. Il messaggio sembra essere: 'Il Paese non ha bisogno di voi'. Prorogare alcune scadenze certamente aiuta ma sul tema della liquidità si deve fare di più. Non vogliamo solo criticare ma lanciare alcune proposte concrete: una moratoria sui fidi; il blocco del calcolo degli interessi passivi sui fidi bancari (i cosiddetti scoperti di conto corrente), facendo in questo modo fino a fine 2020, il calcolo degli interessi sui fidi bancari, interessi che normalmente sono calcolati con cadenza giornaliera, sarà possibile per gli imprenditori utilizzare molta più liquidità e si eviterebbe il collasso e la chiusura di moltissime piccole, medie e grandi aziende; infine, si avvi una moratoria anche per i titoli di garanzia per acquisto merci. In sintesi il rischio di essere protestati è assai elevato a causa della assenza di fatturato. Siamo pronti in Parlamento ad offrire il nostro contributo per migliorare questo decreto legge". Lo scrive in una nota il senatore Antonio Saccone (FI-UDC), componente della Commissione bilancio del Senato.