Coronavirus, Sala: in Lombardia palestre e piscine chiuse

Cro-Mpd

Milano, 1 mar. (askanews) - Alla conferenza stampa per fare il consueto punto sull'emergenza coronavirus è intervenuto anche il vicepresidente della Regione Lombardia Fabrizio Sala. "Alle 24 di questa notte - ha detto il vicepresidente - termina quanto disposto nell'ordinanza siglata dal presidente della Regione Lombardia e dal ministro della Salute ed entra in vigore il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, condiviso a livello istituzionale e con il Comitato scientifico". "Cambia l'impostazione - ha specificato - perché nel testo che fissa le disposizioni per i prossimi sette giorni abbiamo una parte che sarà relativa a tutto il territorio nazionale oltre a una parte di misure relative a tre Regioni e probabilmente due province; un'altra è riferita a quattro province oltre alla 'zona rossa' per la quale vengono riconfermate tutte quante le disposizioni già decise".

"Per quanto riguarda la Regione Lombardia - ha proseguito - confermiamo che cinema e teatri rimangono chiusi. I musei, invece, vengono contingentati in entrata e si introduce un elemento per evitare assembramenti e distanziare di un metro le persone una dall'altra". "Confermata la sospensione di tutte le lezioni nelle scuole di ogni ordine e grado. I plessi - ha sottolineato il vicepresidente Sala - potranno essere aperti e sanificati, si potranno attivare le lezioni e-learning in modo da mantenere attiva la didattica, sono sospesi tutti i concorsi tranne quelli sanitari". "A pub, bar e ristoranti è consentito l'accesso con limitazione di posti a sedere e distanziamento di almeno 1 metro uno dall'altro" ha ribadito Fabrizio Sala. "Una misura - ha evidenziato - riguarda in particolare le quattro province di Bergamo, Lodi, Cremona e Piacenza. Nel weekend prossimo, sabato e domenica, le medie e grandi strutture di vendita, i negozi presenti nei centri commerciali e i mercati saranno chiusi ad eccezione delle farmacie, parafarmacie e punti vendite alimentari. Questo provvedimento era già presente nella nostra Ordinanza".

(Segue)