Coronavirus, Sala: in Lombardia palestre e piscine chiuse -2-

Cro-Mpd

Milano, 1 mar. (askanews) - "Ribadiamo - ha rimarcato il vicepresidente Sala - che sul nostro territorio resteranno chiuse tutte le palestre, centri sportivi, piscine, centri benessere, centri sportivi e termali, eccetto le prestazioni dei Lea (Livelli Essenziali di Assistenza)". "Ci dobbiamo abituare a una vita un po' diversa rispetto a quella che facevamo anche solo un mese fa - ha detto ancora il vicepresidente Sala - con l'obiettivo di assumere comportamenti che ci permettono di rallentare la diffusione del virus". L'assessore al Bilancio, Finanza e Semplificazione Davide Caparini ha focalizzato l'attenzione sull'impegno della Giunta per l'approvvigionamento dei presidi sanitari necessari a fronteggiare l'emergenza. "Dialoghiamo con il Governo e le parti sociali - ha rimarcato - per individuare i primi interventi anche fuori dalla 'zona rossa'.

"Difficile quantificare i danni di questa crisi - ha detto - considerando che il nostro Paese si trovava già in una situazione critica. Nell'economia nazionale Milano pesa per il 10,2% del Pil, la Lombardia per il 22,3%. Ci rendiamo conto quanto sarà difficile reperire le risorse necessarie: stiamo lavorando con il Governo e con le parti sociali. Garantiamo ai cittadini lombardi tuto il nostro impegno per offrire risposte rapide ed efficaci in un momento difficilissimo, non prevedibile e di assoluta straordinarietà". "E' stata istituita in Regione Lombardia - ha proseguito Caparini - una task force economica permanente con gli assessori Mattinzoli e Rizzoli e coordinata dal vicepresidente Sala - stiamo raccogliendo le istanze e i suggerimenti dei rappresentanti delle categorie produttive perché mercoledì incontreremo il premier con il ministro dello Sviluppo economico per definire gli interventi urgentissimi da attuare".