Coronavirus, Sala: "Se crolla Milano è un disastro"

webinfo@adnkronos.com

"Ringrazio i milanesi che stanno facendo la loro parte, che si stanno comportando bene - a parte alcune eccezioni con dei comportamenti inaccettabili - ma nella stragrande maggioranza grazie per quello che state facendo con disagio, con fatica". Così il sindaco di Milano Giuseppe Sala si rivolge, sulla sua pagina Facebook, ai cittadini costretti a restare in casa per l'emergenza coronavirus. Le misure probabilmente verranno prorogate perché "questa è una lunga maratona e non uno sprint". 

"Penso alla mia fatica tutti i giorni a Palazzo Marino alla ricerca di un bandolo della matassa che a volte non trovo - dice il primo cittadino -, ma oggi noi siamo chiamati a resistere perché Milano non è ancora stata toccata dalla diffusione del virus come altre città lombarde e non lo può essere per la nostra salute, per i nostri cari. Immaginate il crollo di una città da 1,4 milioni di abitanti cosa produrrebbe sul sistema sanitario: sarebbe un disastro", aggiunge Sala. 

"Mi sto facendo sentire col governo perché trovo profondamente sbagliato che i supermercati chiudano la domenica, io capisco le loro difficoltà, capisco la difficoltà col personale ma più si riducono gli orari e più le code aumentano e ciò non va bene. I supermercati devono rimanere aperti, questo è il mio pensiero", dice ancora. 

Per Sala è il tempo di "resistere" di fronte all'emergenza coronavirus che sta mettendo a dura prova la Lombardia: "Siamo in un momento di difficoltà, ma le difficoltà vanno affrontate con coraggio. Qui a Palazzo Marino nel frattempo stiamo mettendo in campo alcune azioni". 

"Da lunedì distribuiremo un kit con mascherine e liquido igienizzante a medici di base e pediatri; per i i senzatetto abbiamo alcuni centri di accoglienza, il più famoso è in via Ortles, siccome consideriamo un rischio avere così tanti ospiti insieme oggi ne stiamo trasferendo una parte". Terzo punto: parte dei soldi raccolti con il Fondo di mutuo soccorso (circa 5 milioni arrivati dai privati) serviranno "per intervenire con immediatezza sulle persone che già oggi sono senza reddito. Interverremo con rapidità". 

Un'idea quest'ultima nata in collaborazione con la Diocesi di Milano: "2 milioni li metterà la Curia e 2 milioni noi come Comune attingendo al fondo" ribattezzato San Giuseppe, conclude il sindaco Sal