Coronavirus, Salvini: a Bruxelles non hanno capito che aria tira

Bar

Roma, 26 mar. (askanews) - "La lezione di oggi per i nostri figli è che quello che è a accaduto fino a due mesi fa, 'tagli tagli tagli, chiudete gli ospedali le scuole le caserme per i vincoli europei' sono state scelte criminali, quella di chiudere tutto, di togliere il diritto alla vita e alla salute per parametri decisi a Bruxelles...". Lo ha affermato il segretario della Lega, Matteo Salvini, parlando al Senato nel dibattito sul coronavirus.

"Permettetemi di dire - ha proseguito - che in queste settimane l'Italia sta brillando, gli italiani stanno brillando, i nostri cittadini al 99 per cento stanno dando prova di eccezionale rispetto. A Bruxelles qualcuno probabilmente non ha capito che aria tira. Se il governo tedesco parla ancora di Mes senza condizioni, che prevede che i soldi vengano dati all'Italia ma debbano essere rimborsati in futuro a debito dei nostri figli magari con una bella patrimoniale, ebbene a Berlino e Bruxelles non hanno capito niente. Ritroviamo l'orgoglio di essere italiani, il più ben paese del mondo".

"Spero - ha concluso Salvini - che questo orgoglio sia di tutti, spero che nessuno, per portare a casa due spiccioli dall'Europa oggi, ipotechi il lavoro, il futuro, la speranza e il risparmio dei nostri figli".