Coronavirus, Salvini: chi parla di Mes è nemico degli italiani -2-

Rea

Roma, 25 mar. (askanews) - Il lungo video postato da Salvini sui suoi social network inizia così: "Attenzione, si sente puzza di fregatura da Berlino e da Bruxelles. Quando sentite parlare di Mes occhi e orecchie aperte perchè c'è dietro l'ipoteca del futuro dei nostri figli, il lavoro e i risparmio degli italiani".

E poi Salvini dice di passare ai "fatti concreti", iniziando a citare una serie di dichiarazioni: "Il 23 marzo il vice segretario del Pd parla apertamente di Mes dicendo che 'l'Italia ha bisogno di un piano di investimenti dell'Eurpa, discutiamo da dov e prendere questi soldi, se dal Mes o con dei bond'. L'Olanda risponde che 'è impegnata ad assicurare che verrà usato il Mes solo con le condizionalità previste dall'attuale trattato'. Tradotto: vuoi dei soldi, poi me li restituisci - è la narrazione di Salvini - aumentando l'età per andare in pensione, chiudendo ospedali, chiudendo caserme o mettendo la patrimoniale".

E prosegue: "Veniamo a oggi: il presidente dell'eurogruppo Centeno dice: 'I dettagli degli aiuti del Mes', e quindi conferma che si sta parlando di questo, 'verranno resi noti entro il 5 aprile e nel lungo periodo gli Stati dovranno assicurare un percorso sostenibile'. Tradotto: Italia, se vuoi dei soldi oggi, me li dovrai restituire con interessi e sacrifici domani. Veniamo alla chiusura del cerchio. Berlino, poche ore fa: 'Il governo tedesco ritiene che il Mes possa essere uno strumento utile per elargire sostegno veloce agli Stati con le regole in vigore' e quindi con i vincoli e i sacrifici oggi previsti. Tradotto: gli italiani hanno messo 14 miliardi in questo fondo per aiutare gli altri, hanno messo 44 miliardi in altri fondi europei per aiutare altri Stati e altre banche, in totale 58. Adesso per averne indietro eventualmente 35 sui 58 dati dobbiamo infilare l'Italia, il nostro Paese, i nostri figli, in un tunnel di cui non si conosce l'uscita".

Dunque, dice Salvini: "No al Mes. Chiediamo che il presidente del Consiglio venga in Parlamento visto che questo è il nostroposto di lavoro, a dire a chiare lettere 'No al Mes, chiediamo altri fondi, i fondi della Bce, ma non i fondi di un trattato che rischierebbe di essere la morte del nostro Paese. Abbiamo visto i vincoli europei che ci hanno portato a chiudere ospedali, scuole e caserme, che bella fine ci hanno fatto fare. No al Mes: c'era nel programma della Lega, c'era nel programma dei Cinque Stelle, speriamo che tutti mantengano la coerenza con la parola data agli italiani. Aiutateci a far girare questo allarme che non è ingiustificato ma è fondato sulle parole che abbiamo visto. Chi parla di Mes abusivamente o di nascosto - conclude duramente Salvini - è un nemico dell'Italia e degli italiani. Tutti insieme per sconfiggere il virus sì, ma senza ipotecare il futuro dei nostri figli la libertà, l'indipendenza e la sovranità del nostro Paese".