Coronavirus, Salvini da Mattarella: "Far ripartire l'Italia"

webinfo@adnkronos.com

La necessità di far ripartire l'economia dopo gli effetti negativi legati all'emergenza coronavirus è stata al centro del colloquio tra il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, e il segretario della Lega, Matteo Salvini, che ieri mattina aveva chiesto telefonicamente di essere ricevuto dal Capo dello Stato. Nessun minimo accenno invece all'ipotesi di dar vita a governi istituzionali o a temi in qualche modo legati agli assetti politici. 

"Abbiamo trovato nel presidente della Repubblica un interlocutore attento sul fatto che l'Italia debba riaprire tutto il possibile il prima possibile", afferma il leader della Lega parlando nel corso di una diretta Facebook. "L'appello che ho chiesto al presidente della Repubblica di lanciare a chi è al governo è di riaprire tutto quello che si può riaprire, tornare a lavorare, lavorare, lavorare, senza scaricare su altri colpe che stanno evidentemente nel manico. Non possono andarci di mezzo i nostri operai, i nostri imprenditori, gli artigiani", aggiunge. "Vorremmo vedere gli stadi pieni, non vuoti, che riaprissero cinema, discoteche e bar", afferma Salvini, che parla di un "incontro cordiale". 

"Ho sottolineato - sottolinea poi - che ho trovato vergognoso additare in qualche medico, in qualche ospedale, in qualche governatore, il responsabile di quello che sta succedendo".