Coronavirus, Salvini: "Detenuti più protetti in carcere"

webinfo@adnkronos.com

"Il contagio nelle carceri non c'è, sono ambienti protetti. I detenuti sono più protetti in carcere che a spasso. Il detenuto straniero che non ha una residenza, lo facciamo uscire e dove va?". Sono le parole di Matteo Salvini in collegamento con l'Aria che tira su La7. 

"Noi facciamo proposte", dice riferendosi alle modifiche che secondo la Lega andrebbero apportate al decreto Cura Italia. "Possiamo chiedere a nome di milioni di lavoratori di migliorare il decreto?", si chiede Salvini. "Cosa c'entra il far uscire dal carcere 5000 detenuti con l'emergenza legata al virus e con l'emergenza economica? Quello è un provvedimento che riguarda la giustizia. Per carità, se ne può parlare con calma, ma infilare" l'argomento "in un decreto che parla di famiglie, aziende, imprese". "Non esiste, oltretutto una settimana dopo la rivolta delle carceri. A Dio piacendo, il contagio nelle carceri non c'è perché sono ambienti protetti. Se ne facciamo uscire migliaia, peggioriamo la situazione, mi sembra evidente. Lo dicono i poliziotti che lavorano nelle carceri", aggiunge.