Coronavirus, Salvini "governo indegno, bisogna reagire"

Redazione
·1 minuto per la lettura

ROMA (ITALPRESS) - "Un governo che si muove in questo modo è indegno. Hanno toccato il punto più basso degli ultimi nove mesi". Non usa mezzi termini il leader della Lega Matteo Salvini, in un'intervista al Corriere della Sera, dopo le decisioni annunciate ieri dal premier Conte. "Ma non si può accettare un presidente del Consiglio che va a parlare in tv alle 20 decidendo della vita e della morte delle persone e delle aziende senza rendere conto a nessuno e lo fa con dati vecchi di dieci giorni. A me pare che stiano giocando a tombola", incalza. "Mi pare che siano in totale confusione. Non ci vedo malafede, piuttosto incapacità. Una parte del governo vuole chiudere tutto, un'altra non vuole bloccare niente e un'altra ancora è per un po' e un po'. Cosa pensate che ne possa uscire?", osserva Salvini per il quale in questa situazione "ha vinto la confusione. Quando prendi decisione pasticciate fai solo danni. Viene fuori la scemenza che tutti avete visto". Per il leader della Lega Conte "mi è parso confuso, incerto. Qui non ha vinto nessuno, ha perso il Paese perché si spacca l'Italia e non si risolve né si allevia l'emergenza sanitaria". Quanto alle prossime mosse dice: "Ho passato la giornata parlando con governatori, sindaci, commercianti, artigiani, imprenditori. Dobbiamo reagire" e, alla domanda se abbia ricevuto una telefonata da Conte prima del via libera all'ultimo decreto, chiosa: "Nulla di nulla, il mio telefono è rimasto muto. La cosa grave, però, è che non ha chiamato nemmeno i governatori. Questo è una dimostrazione di incapacità e di arroganza".

(ITALPRESS).

ads/red