Coronavirus, Saues: in Campania subito Esercito e auto mediche

Psc

Napoli, 16 mar. (askanews) - Subito l'Esercito in Campania, autorizzare tutte le Asl a destinare almeno due auto mediche ai prelievi-tampone a domicilio. Lo chiede il Saues, sindacato autonomo urgenza emergenza sanitaria. "L'emergenza sanitaria da coronavirus - ha spiegato il presidente nazionale del Saues, Paolo Ficco -, soprattutto in presenza di scarsa consapevolezza impone scelte razionali e rigorose. Il mancato rispetto dei Dpcm e delle ordinanze regionali, che riscontriamo nel corso della nostra attività sul territorio, impone urgentemente l'Esercito sulle strade e presso i pronto soccorso: le sole forze dell'ordine, che ringraziamo per il lavoro preziosissimo ed encomiabile che stanno svolgendo in condizioni difficilissime, non bastano".

Inoltre, per il presidente nazionale del Saues "impegnare le già poche ambulanze per i tamponi a domicilio, appare davvero fuori luogo. Chiediamo pertanto di disporre, come già accade per l'Asl Napoli 1 e per l'Asl Napoli 3, che tutte le aziende sanitarie predispongano almeno due auto mediche, con autista e infermiere, per effettuare i tamponi a domicilio liberando così i medici e un gran numero di autoambulanze, spesso ferme ore ed ore per la sanificazione di rito". "Queste ambulanze così liberate - conclude -, potrebbero tornare al soccorso d'urgenza evitando che il territorio resti scoperto".