Coronavirus, a Sciacca il focolaio è l’ospedale: 18 positivi

coronavirus sciacca ospedale positivi

Paradossale quanto sta avvenendo a Sciacca dove ben 18 positivi al coronavirus sono stati, verosimilmente, contagiati all’ospedale della città. Il virus è arrivato all’Ospedale Giovanni Paolo II del comune in provincia di Agrigento dopo che una dottoressa, risultata anch’essa positiva al Covid-19, ha avuto contatti con alcuni bergamaschi. La dottoressa si è sentita male mentre era a lavoro e questo ha costretto da subito i suoi colleghi e gli infermieri alla quarantena. A Sciacca dunque c’è una grande carenza di personale medico in questo momento, essendo arrivati a 18 i casi di positivi riconducibili al focolaio dell’ospedale.

L’appello della sindaca: state a casa

Tutto questo richiede naturalmente delle misure straordinarie descritta dalla sindaca di Sciacca, Francesca Valenti: “Stiamo mandando via i pazienti che possono ricevere cure a casa stiamo riorganizzando i reparti e facciamo ulteriori controlli, ma la situazione è grave, di emergenza. Non ci bastano le mascherine e le protezioni che ci sono state fornite. Oggi i volontari della Protezione civile, gli assistenti e coloro che ci danno una mano non sono adeguatamente riforniti delle protezioni per poter continuare ad assistere i più bisognosi”.La realtà di Sciacca sembra al momento quella più complicata da gestire in tutta la Sicilia, e dunque li più che mai l’imperativo deve essere quello di restare a casa.

L’ospedale di Sciacca non chiuderà

In aiuto del comune in provincia di Agrigento si è mossa anche la presidente della commissione Sanità all’Ars, Margherita La Rocca Ruvolo che si è così espressa in merito: “Stiamo continuando i controlli e abbiamo attivato una convenzione tra l’Asp di Agrigento e quella di Caltanissetta: nella prima verranno trasferiti i malati nisseni che hanno bisogno di cure di routine, dei casi di coronavirus si occuperà invece l’Asp di Caltanissetta, che ha il reparto di Malattie infettive”. Secondo poi il direttore sanitario, Gaetano Migliazzo, chiudere l’ospedale di Sciacca sarebbe un gravissimo errore: “Stiamo intervenendo in tutti i modi, definendo i percorsi, con le zone di isolamento e istruendo il personale sui corretti comportamenti e sulle giuste procedure, ma l’ospedale non chiuderà”.