Coronavirus, si registra calo dei contagi a livello globale: non succedeva da ottobre

·1 minuto per la lettura
covid bilancio casi mondo
covid bilancio casi mondo

L’Oms ha registrato un calo significativo di casi covid nel mondo, circa il 17% in meno rispetto al bilancio di ottobre 2020. Usa e Brasile rimangono i Paesi maggiormente colpiti, mentre il Mediterraneo orientale registra un calo minore del 2%. Intanto a Wuhan il team di scienziati dell’Oms esclude la fuoriuscita del virus dai laboratori.

Covid mondo, il bilancio dei casi

Giungono buone notizie sul fronte covid: nel mondo, nel bilancio generale, si registra un calo del 17% di casi. Come riporta l’Oms, infatti, nella prima settimana di febbraio 2021 il bilancio è stato di 3,1 milioni di contagi. Si tratta del livello più basso registrato da ottobre 2020.

Nonostante questa lieve declino della contagiosità, alcuni Paesi rimangono in totale emergenza. Gli Stati Uniti registrano il 19% in meno di infezioni, ma il bilancio rimane comunque tra i più alti con 871.365. Tra gli altri Paesi con un numero elevato di casi ci sono il Brasile, la Francia, la Russia e il Regno Unito. L’Africa registra il maggior declino (22%), mentre la regione orientale del Mediterraneo il calo più irrisorio (2%).

Oms: “Virus non è uscito dai laboratori”

Come già abbiamo riportato nelle settimane precedenti, un team di esperti dell’Organizzazione Mondiale della Sanità ha fatto visita a Wuhan, città simbolo del coronavirus, per raccogliere più dati sulle origini del virus.

Dopo giorni di ricerche e testimonianze, in una conferenza stampa il team esclude categoricamente che il virus sia uscito dai laboratori cinesi. Secondo i teorici dell’origine animale, i principali sospettati rimangono pipistrelli e pangolini, secondo quanto detto dall’epidemiologo cinese Liang Wannian. “Comunque, i virus riscontrati in questi animali non sono sufficienti per dimostrare un legame con il Sars-Cov-2″, così ha aggiunto in seguito.