Coronavirus, Sicindustria: pagamenti bloccati imprese in rivolta

Xpa

Palermo, 17 mar. (askanews) - Uffici chiusi, pagamenti bloccati, imprese in rivolta. La denuncia parte da Gianfranco Caccamo, presidente di Sicindustria Caltanissetta: "L'Anas e il Consorzio autostrade siciliane hanno sospeso l'attività degli uffici amministrativi. Il risultato è che le nostre imprese hanno fornito un servizio, hanno emesso la fattura, ma non ricevono il pagamento".

Caccamo sottolinea anche che: "In condizioni normali questo è un disservizio gravissimo. Ma in questo periodo - con l'economia globale congelata - diventa indegno e inaccettabile. Oltre al danno la beffa. Da un lato l'esecutivo promette misure a favore delle imprese, dall'altro la pubblica amministrazione chiude i rubinetti dei pagamenti".

"Capiamo - ha concluso Caccamo - che il momento è difficilissimo per tutti. Ma a noi sta a cuore la sopravvivenza delle aziende. Ognuno deve fare la propria parte. Sollecitiamo Anas e Cas a trovare la soluzione nel più breve tempo possibile prima che sia troppo tardi".